Logo 3 minuti con Arca
Investire ai tempi del Covid-19: non aumentiamo il fai-da-te proprio adesso
|
Finanza comportamentale
|
di Barbara Alemanni

Investire ai tempi del Covid-19: non aumentiamo il fai-da-te proprio adesso

Le regole “euristiche” sono delle scorciatoie mentali che utilizziamo per valutare e prendere decisioni. Tra queste, analizziamo la rappresentatività e l’eccessiva sicurezza. La prima la commettiamo quando non prendiamo in considerazione tutti gli elementi per prendere una decisione e la seconda, come è facilmente intuibile, quando siamo troppo sicuri. Alcuni studi infatti mostrano chiaramente che molti investitori fai-da-te ottengono performance molto inferiori a quelle che del mercato, proprio a causa dell’eccessiva sicurezza.

E’ proprio vero che le persone normali davanti alle situazioni aleatorie valutano e decidono sulla base di un ragionamento approssimato. Prendiamo come esempio quanto sta accadendo intorno a noi in questo momento: sabato 14 marzo il Corriere della Sera ha pubblicato un sondaggio compiuto tra gli italiani sul tema del coronavirus da cui emerge che circa un italiano su due (53%) vede la malattia come una minaccia per la propria famiglia, il 62% per la propria comunità locale o città, e l’86% per l’intero paese. Ora questi numeri hanno qualche cosa di “strano” da punto di vista statistico. Proviamo a vederlo in modo semplice: se infatti una famiglia appartiene ad una certa popolazione, in questo caso quella degli italiani esposti al rischio di contagio, ha le stesse probabilità di essere esposta a quella minaccia, ma per noi questo modo di ragionare non è proprio naturale. Perché noi siamo più al sicuro dei nostri vicini e degli altri italiani? La finanza comportamentale, che studia, tra le altre cose, l’atteggiamento delle persone normali nei confronti del rischio, ci dà più di uno spunto per interpretare le risposte date ieri dagli italiani in quel sondaggio. In questo articolo ci concentriamo su due aspetti: la rappresentatività e l’eccessiva sicurezza.

La Rappresentatività è una regola euristica che noi utilizziamo per valutare o prendere una decisione. Le regole euristiche sono delle “scorciatoie mentali” che hanno lo scopo primario di fornirci protezione, permettendoci di operare in poco tempo decisioni fondamentali.

A causa della rappresentatività noi usiamo troppi pochi dati per decidere. Prendiamo la percezione sulle minacce del virus: io “raccolgo” le informazioni sulla salute della mia famiglia, osservando se la mia famiglia ha la tosse o ha la temperatura alterata, tutte informazioni qualitativamente rappresentative, ma statisticamente inutili, perché la minaccia per quanto riguarda la mia famiglia è funzione di ben altre variabili: quanto sono stato sociale nei giorni passati, in che zona del paese mi trovo ecc…

man

 

Prendiamo un esempio della finanza: i mercati non salgono, né scendono all’infinito, ma la nostra mente è molto abile a estrapolare trend e il fatto che i cicli si invertano, situazione complessa da inquadrare dal punto di vista cognitivo, è proprio innaturale da rappresentare. Quando la scorsa settimana i mercati scendevano, molti hanno pensato che quel trend ormai innescato dovesse proseguire senza sosta.

Tornando al nostro sondaggio, un’altra ragione del perché le famiglie italiane si sentono “più al sicuro” risiede nella visione ottimistica che spesso si ha della possibilità di governare le situazioni, ovvero l’eccessiva sicurezza nei mezzi a nostra disposizione.

Victor Hugo, il noto scrittore e storico francese dello scorso secolo, parla dell’eccessiva sicurezza di sé manifestata da Napoleone prima della battaglia di Waterloo: “L’imperatore non era mai stato di così buon umore come oggi. L’uomo che era stato serio ad Austerlitz [dove anni prima Napoleone aveva ottenuto la sua più significativa vittoria] era allegro a Waterloo. Nel momento in cui Wellington retrocedette, Napoleone si eccitò. Restava solo il compito di completare la ritirata con la distruzione. All’improvviso Napoleone mandò un dispaccio a Parigi per annunciare che la battaglia era vinta”.

Napoleone

 

Non possiamo evitarlo, l’eccessiva sicurezza è qualche cosa da cui guardarsi. Non solo perché il futuro è sempre incerto ma perché l’eccessiva sicurezza può farci agire con poco discernimento e condurci così in rovina e questo è vero per Napoleone, per la nostra percezione circa i rischi di contrarre la malattia, e anche quando ci muoviamo, troppo!, nei mercati finanziari. Brad Barber e Terrance Odean dell’Università della California hanno misurato l’abilità di investitori privati americani, esaminando l’attività di trading di 66.465 soggetti tra il 1991 e il 1996, ed hanno scoperto che in media i risultati sono stati poco soddisfacenti. La performance media nel periodo esaminato dei traders migliori, ripeto dei migliori, è stata dell’11,4% annuo contro una performance del mercato del 17,9%.Lo studio pubblicato sul Journal of Finance nell’aprile 2000 ha un titolo che non lascia scampo: Trading Is Hazardous to Your Wealth (il trading è pericoloso per la vostra ricchezza).In particolare è stato evidenziato che i traders che tendono a movimentare di più il proprio portafoglio, perchè eccessivamente sicuri, ottengono in media risultati peggiori rispetto al mercato (corretto per il Beta). La conclusione che si trae da questa analisi è che il rendimento dell’investimento dipende molto più dal comportamento del risparmiatore che dall’andamento dei mercati.Schermata 2020 04 08 alle 18.29.26

 

Barbara Alemanni è Professore di Economia degli Intermediari Finanziari presso l’università di Genova e Affiliate Professor alla SDA Bocconi School of Management. E’ membro del Consiglio di Amministrazione dell’Università di Genova e presso la stessa Università presiede il Comitato Lasciti. E’ Consigliere di Amministrazione non esecutivo e indipendente di Borsa Italiana SpA e di Fincantieri Spa. Partecipa al Comitato degli investimenti dell’IIT e dal 2016 è membro del Group of Economic Advisors (GEA) dell’ESMA. E’ stata consulente scientifico per il MEFOP e ha fatto parte del gruppo di lavoro CONSOB-Università sul tema del Fintech. E’ un esperta di finanza comportamentale, di micro e macro struttura dei mercati finanziari e di regolamentazione dei mercati finanziari. 

 



Le informazioni pubblicate su questa pagina hanno scopo divulgativo e non rappresentano una consulenza, raccomandazione o sollecitazione ad effettuare investimenti né tantomeno ricerca in materia di investimenti. I pareri espressi rappresentano unicamente le opinioni dell’autore che non necessariamente corrispondono a quelle di ARCA Fondi SGR S.p.A. Le informazioni, per quanto accurate e aggiornate, possono non essere complete e non tengono conto delle caratteristiche patrimoniali e finanziari dei singoli destinatari.

Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente.